Toscana Trekking

 

 

 

venerdì 2 - martedì 6 giugno 2006

Porto Cuau

Trekking in Sardegna

Parco del Golfo di Orosei e del Gennargentu

Un trekking "mare & monti" per scoprire il fascino selvaggio della Sardegna autentica degli Ovili e dei Nuraghe e la spettacolare bellezza delle Cale orientali dell’Isola.

Parco Nazionale del Gennargentu (istituito il 25/6/92)

Quando si pensa alla Sardegna si pensa al mare. Eppure la vera Sardegna è nell'interno, e soprattutto nella regione del Gennargentu, dove il paesaggio non è stato stravolto dalle colate di cemento degli insediamenti turistici, ma è anzi il risultato di una millenaria integrazione tra l'uomo e la natura, e può offrire tutti gli ingredienti per una vacanza perfetta in ogni stagione dell'anno. Ricchissimo l'ambiente umano: piccoli, appartati e deliziosi paesi che sono rimasti fuori dai circuiti turistici consueti, come Urzulei, Talana, Arzana, Fonni, che vantano un enorme patrimonio di cultura e tradizioni. Ergersi sulle vette più elevate a dominare vasti paesaggi o visitare le grandiose residue foreste del Supramonte, inseguire sulle dorsali montane la fuggitiva visione di un branco di mufloni o esplorare i recessi rocciosi alla ricerca di qualcuno dei tanti endemismi floristici, percorrere a piedi le silenziose codule (sbocco sul mare di strette gole, incassate fra le montagne, che penetrano fino all'interno: in sardo sono chiamate codule) saltando di masso in masso tra macchie e oleandri, o ricercare nei centri abitati il fascino di una cultura antica e originale sarà un'esperienza entusiasmante e indelebile. Lungo la linea di costa si susseguono spiagge, piccole cale, pareti a picco sul mare, guglie e pinnacoli di roccia, piccoli anfratti e grandi spelonche. I boschi di lecci e la macchia mediterranea dell'entroterra arrivano fino al mare. Sulle ripide pareti calcaree, ginepri secolari piegati dal vento. Lungo le alte pareti a strapiombo nidificano numerosi rapaci come il raro falco della regina, il falco pellegrino e la rarissima aquila del Bonelli.

 Programma di massima

partenza - nella tarda serata del 1 giugno imbarco dal Porto di Livorno per Olbia/Golfo Aranci - navigazione notturna

1° giorno – arrivo ad Olbia/Golfo Aranci h 6.30 - 7.00; pullman di linea per Urzulei, dove sarà ad attenderci la guida locale. Breve escursione (1 ora) per arrivare all’ovile Carta dove sarà servito un pranzo di saluto. Nel pomeriggio escursione nei dintorni per visitare il nuraghe “Pedrasacu” e la valle di “Su Canale” con il suo villaggio di età nuragica ancora inalterato. Cena e pernottamento con sacco a pelo presso il rifugio.

2° giorno – Di primo mattino partenza in jeep verso “Punta Margiane” in direzione di Cala Luna (circa mezz’ora per l’attacco del sentiero); escursione ad anello con tappa alla Cala. Il sentiero si snoda attraverso la foresta di “Mureddu” e permette di raggiungere la stupenda valle di “Bidunie”. Percorrendo un’antica carrareccia, da sempre usata per il trasporto del carbone, si arriva sulle alture calcaree sovrastanti la “Codula di Luna” dove, prestando attenzione, non è difficile avvistare gruppi di mufloni. Continuando il nostro trekking arrivemo in vista del “S’Archeddu de Lupino” da dove si intravede il golfo di Orosei. Dopo circa 3 ore dalla partenza, si “approda” sulla splendida spiaggia di “Cala Luna”, forse la più bella del Mediterraneo, con la sua sabbia bianchissima. Dopo un meritato riposo nei pressi della spiaggia, si rientra all’ovile Carta dove sarà servita la cena in classico stile sardo. Lungo il percorso possiamo visitare gli ovili della vecchia cultura sarda.

3° giorno – Dopo la colazione, partenza di buon mattino in direzione cala Sisine, con un percorso in quota (1000 m) che si apre con panorami su splendide valli e verso il mare. Ci incammineremo verso punta “Su Contu”, dove si può scegliere quale tragitto seguire: il primo, più semplice, ci porta su un percorso panoramico su “Bacu Irittili”; proseguendo per la vecchia carareccia di “Siureddu” si può visitare la splendida grotta di “Su Miraculu” con la sua infinita distesa di “Capelli d´Angelo” (tipiche concrezioni di bicarbonato di calcio molto sottili e bianchissime). Il secondo, più impegnativo, ci porta verso “Bacu Sorruargiu” attraverso piccole cenge e ampie viste panoramiche fino ad arrivare all’arco naturale di “S’arcada de Sorruargiu” per poi proseguire verso la valle di Sisine. Proseguendo nella valle si giunge a “Cala Sisine”, con la sua affascinante spiaggia composta da ghiaino bianchissimo; ci fermiamo per il bagno e lo snorkelling fino al pomeriggio. Nel pomeriggio, dopo una breve passeggiata l’escursione continua a bordo delle jeep raggiungendo l’altopiano basaltico del “Golgo” dove troviamo la chiesetta campestre di “San Pietro” risalente al XVI secolo, che ci fa vivere, come per incanto, l’atmosfera di alcune opere cinematografiche ambientate nel lontano Messico. Rientro all’ovile Carta per la cena.

4° giorno – Dopo la colazione partenza per la bellissima cala Goloritzè, famosa per il suo mare cristallino e per la Guglia omonima, meta di tanti arrampicatori; escursione anulare con bagno e snorkelling. In jeep raggiungeremo la valle di Golgo, da cui saliremo sullo spartiacque. Da questo punto il trekking cambia fisionomia: sembrerà di essere letteralmente sospesi fra cielo e mare, quest’ultimo sempre in vista. Ci dirigiamo verso “Bacu Canale” proseguendo per “Punta Salinas”, punto panoramico con vista su tutto il golfo di Orosei e la cala di Goloritzè; ci si immette poi su “Bacu Linnalbus” dove crescono cisti, lentischi e lillatro, e si raggiunge “Cala Goloritzè”: le rocce bianche ed il mare azzurrissimo fanno da sfondo ai voli di numerosi uccelli, dai rondoni alpini alle rondini montane, dai falchi della regina ai pellegrini che tendono agguati ai piccioni selvatici. Sosta fino al primo pomeriggio. Si riparte percorrendo parte del sentiero del mattino e si prosegue per “Bacu Goloritzè” fino alla sella dello spartiacque per arrivare dove si sono lasciate le jeep. Rientro all’ovile Carta e fra musica, canti, porceddu e buon vino, si aspetta, includendo anche il riposo, il mattino.

5° giorno – breve escursione fino alla fermata delle autolinee; trasferimento in pullman di linea fino ad Olbia/Golfo Aranci e breve giro esplorativo prima dell’imbarco per Livorno. Rientro in serata.

NB: Il programma potrà subire delle variazioni a discrezione della Guida a causa delle condizioni meteo o di altri imprevisti.

Dati tecnici: escursioni facili/medie a piedi con soste per il bagno in mare e lo snorkelling guidato; pernottamenti in Rifugio in camere multiple; colazioni e cene presso il rifugio; pranzi al sacco forniti dal gestore (comunicare eventuali esigenze alimentari); spostamenti con mezzi di linea e con jeep fornite dalla struttura.

Attrezzatura consigliata: Indossare capi sportivi leggeri e scarponcelli da trekking; portare maschera subacquea e boccaglio, costume da bagno, crema solare, cappello parasole. Zaino leggero giornaliero, borraccia. Saccoletto e biancheria da bagno oltre al bagaglio personale.

Si prega confermare l'adesione entro il 24 maggio

Scheda tecnica: N° minimo di partecipanti 10

quota individuale di partecipazione: 495 euro

La quota comprende: servizio di guida GAE a terra e in mare per tutta la durata del soggiorno; accompagnatore locale al seguito; 4 pernottamenti in rifugio in camere multiple; 4 colazioni e 4 cene in rifugio; pranzi al sacco forniti dal gestore; traghetto a/r Livorno - Olbia/Golfo Aranci; trasferimenti in pullman di linea sull’isola da/per Urzulei; assicurazione medica di viaggio. Esente i.v.a. art 10, L.22, DPR 633 del 6/10/1972.

La quota non comprende: il viaggio individuale da/per il porto di imbarco a Livorno; la cena dell’ultimo giorno e quanto non specificato ne “la quota comprende”.

Organizzazione tecnica Forza 7 

Per info e prenotazioni:

alice 347 7922453  segreteria@toscanatrekking.it

per contattarci clicca qui

Ultimo aggiornamento: 21-06-18
 

-       PRIVACY

 Iscriviti alla NewsLetter - Iscriviti al nostro gruppo pagina facebook - seguici su Google+ Socio

   - Ultimo aggiornamento: 28-12-18

Toscana Trekking - Guide Ambientali Escursionistiche

Dott.ssa Alice Colli - viale del Tirreno 373 - Tirrenia 56128 (PI)

P.IVA 01494300492 - alice@toscanatrekking.it - 347 7922453 - fax 050 30448